La guida definitiva alla scelta dei tuoi guanti da lavoro

La guida definitiva alla scelta dei tuoi guanti da lavoro

Sul lavoro, le lesioni alle mani sono molto comuni poiché le mani vengono utilizzate continuamente, è anche la prima fonte di contaminazione da virus ed elementi chimici. I guanti opportunamente scelti sono la soluzione per evitare tagli con oggetti appuntiti, o il contatto diretto con sostanze chimiche. Con questa guida ti aiuteremo a trovare il tipo di guanto e la taglia di cui hai bisogno . Affidati a un esperto!

Passaggio 1: come faccio a sapere di che taglia ho bisogno di guanti?

Prendi la taglia dei tuoi guanti giusta. È molto importante scegliere un guanto della misura giusta per la propria mano perché solo così la protezione sarà completa. Inoltre, la scelta della taglia giusta aumenta il comfort e la destrezza.

Per conoscere la taglia corretta dei tuoi guanti hai bisogno di due cose: la tua mano e un metro a nastro.

Dovresti avvolgere il metro a nastro solo attorno al punto più largo della tua mano (di solito le nocche). Queste sono le misure standard che puoi trovare:

La dimensione di un guanto è sempre espressa in pollici. Se la tua mano è tra due taglie, scegli sempre quella più piccola : i guanti protettivi dovrebbero essere sempre stretti e ingrandirsi nel tempo.

Passaggio 2: devo scegliere guanti con polvere?

Oltre alle dimensioni di un guanto, dovresti sapere se il tuo settore consente o meno i guanti con polvere . Molti guanti, come quelli usa e getta in lattice, vinile o nitrile (ne parleremo più avanti), hanno una polvere di amido di mais aggiunta che aiuta a rendere i guanti più facili da indossare e da togliere. L'umidità e il sudore vengono assorbiti più velocemente grazie a questa polvere. Questo rende questi guanti molto comodi da indossare, ma non sono sempre consigliati: nell'industria alimentare o in un ambiente clinico, ad esempio, si dovrebbe evitare di mescolare l'amido di mais con i prodotti.

Passaggio 3: come scelgo i guanti protettivi giusti?

Hai già scelto la tua taglia. Ora devi decidere quali guanti di sicurezza sono i più adatti al tuo lavoro. I simboli internazionali mostrati di seguito ti aiuteranno nella tua ricerca:

1.  Certificazione CE

CE sta per Conformità Europea e viene assegnato ai prodotti conformi alle normative europee . Queste regole si applicano, tra l'altro, agli apparecchi elettrici, ai giocattoli e ai dispositivi di protezione individuale. Per conoscere la veridicità di questo marchio bisogna tener conto che deve essere sempre leggibile, visibile ed indelebile.

2.  Norma europea per guanti protettivi  ⇒ Norma EN 420

Questa norma europea descrive alcuni requisiti di base per i guanti protettivi. Ciò si riferisce, ad esempio, al fatto che:

  • I guanti da lavoro non devono contenere sostanze che possono provocare allergie.
  • I guanti devono essere progettati in base alle dimensioni della mano europea.
  • I valori di pH dovrebbero essere sempre il più neutri possibile.

3.  Lavori con le macchine? ⇒ Norma EN 388

Questo simbolo indica guanti da lavoro che proteggono dai rischi meccanici : taglio con una lama, strappo, levigatura e persino perforazione. Il pittogramma riportato di seguito simboleggia la protezione contro i rischi meccanici che un guanto può darti, vedrai in 4 cifre una rappresentazione dei livelli di prestazione. Questi sono espressi da 0 (protezione più bassa) a 4 o 5 (protezione più alta). Se vedi una X invece di un numero, significa che questa misurazione delle prestazioni non si applica al guanto.

Di seguito sono mostrate alcune varianti speciali: Guanti per la manipolazione del grasso e guanti antiscivolo .

4.  Lavori con prodotti chimici? ⇒ Norma EN 374 -1

Se sei a contatto con prodotti chimici o microrganismi, dovresti usare solo guanti con i pittogrammi che puoi vedere di seguito. Questo pittogramma indica la sostanza chimica contro la quale il guanto offre protezione.

5.  Lavori con i microrganismi? ⇒ Norma EN 374

I microrganismi possono riferirsi a batteri, funghi e persino virus. Per i guanti che proteggono da questo tipo di rischio, puoi scegliere tra i seguenti materiali: Lattice, vinile o trilite.

 

guanti in lattice

 

· Buona protezione contro i rischi biologici, ideale per laboratori e ospedali.

· Molto comodo.

· Molto elastico .

guanti in vinile

 

Ideale per il settore delle pulizie, dell'ospitalità o dell'imballaggio.

· Resistente ad acidi, prodotti chimici, oli e grassi.

· Più economico del lattice o del nitrile.

guanti triliti

 

· Mix di lattice, nitrile e neoprene.

· Comodo e resistente .

 

6.  Lavori in un ambiente freddo? ⇒ Norma EN 511

Potrebbe essere necessario lavorare a lungo in un ambiente freddo. In questo caso è preferibile utilizzare guanti protettivi con il simbolo riportato di seguito. Sotto questo simbolo troverai spesso 3 cifre. Questi indicano i 3 livelli di prestazione a cui sono stati testati i guanti. Se invece di un numero trovi una X, significa che questa prestazione non è applicabile ai guanti in questione. Ecco i nostri  guanti da lavoro resistenti al freddo .

7.  Lavori in un ambiente caldo? ⇒ Norma EN 407

Questo simbolo indica che i guanti proteggono dal calore. Sotto questo simbolo si trovano, ancora, i numeri che indicano il grado di protezione dei guanti in base ai loro livelli di efficienza. Scopri qui i nostri  guanti in poliammide  o  lattice resistenti al calore .

 Passaggio 4: come scelgo i guanti per la pulizia giusti?

Quando lavori con prodotti molto delicati, come vetro, gioielli o elettronica fine, dovresti scegliere questi tipi:

cotone

Per  una maneggevolezza precisa   e un comfort ottimale.

Può essere utilizzato come guanto interno.

niente lanugine

Poliammide

Migliore resistenza  allo strappo e all'abrasione.

Resistenza e comfort della schiuma lavorata a maglia.

50% poliammide + 50% poliestere

Elevato comfort : flessibilità e buona manualità.

Per la manipolazione di prodotti piccoli e delicati. 

Non lasciano lanugine.